LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA

Product image 1LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 2LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 3LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 4LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 5LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 6LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 7LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 8LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA
Product image 9LA GUERRA NELL'ARIA : STORIA DELLA GUERRA ITALIANA

Prix régulier 100,00 € TTC 6%

Nous acceptons les paiements suivants :
 Carte de crédit (Visa, MasterCard, Amex)
 Paypal
 Remise en main propre à la librairie
 Transfert bancaire
Questa magnifica opera, che contiene molte mappe, racconta la storia della guerra aerea italiana dal 1915 al 1918.

Caractéristiques

Finitions Broché cousu
Particularités Hors - texte ( fleur séchée à la page n° 430 ), Seconde édition revue et élargie
État Bon
Nb. de pages 431
Année d'édition 1935
Langue(s) Italien
Format 14 x 20 x 4 cm
Auteur Generale A.A. Felice Porro
Editeur Edizioni Corbaccio

Description

PREMESSA

 

Il titolo di questo libro è " LA GUERRA NELL'ARIA ". Preme a questo riguardo fare una dichiarazione esplicita. A ragion veduta è scritto la " guerra nell'aria " in quanto, nel conflitto mondiale, l'Aeronautica, allo stato embrionale, con mezzi di caratteristiche modestissime, ha potuto sviluppare la sua attività bellica, solo quale servizio ausiliare dell'Esercito e della Marina, dando il concorso della sua opera di esplorazione e di offesa alle operazioni della guerra di terra e della di mare.

 

Se in un avvenire prossimo o lontano un nuovo conflitto dovesse scatenarsi fra grandi Nazioni, l'Aeronautica combatterebbe nel cielo " la guerra dell'aria " perchè ormai è assurta a Forza Armata, salda nei suoi ordinamenti, attrezzata da una tecnina poderosa, valorizzata dalla capacità offensiva dei suoi mezzi, sorretta da una dottrina di impiego, e guidata da norme tattiche per combattere contro terra, contro mare e nel cielo.

 

( ... ) Questo libro, scritto con passione di aviatore e con religioso senso di rispetto della verità, vuole apportare il suo contributo per precisare il concorso che l'Arma aerea ha dato alle operazioni di guerra. Nel presente libro si ricorda l'opera dell'aviazione e dei dirigibili, e non quella degli aerostieri, per quanto tale specialità durante la guerra facesse parte dell'Aeronautica. Ciò perchè si è voluto qui essenzialmente fare la storia della nuova Forza Armata per le specialità che la pongono e si è ritenuto che l'impiego delle stazioni aerostatiche sia più strettamente ed intimamente collegato con quello degli osservatorii e degli esploratori terrestri, che con quello della ricognizione aerea.

 

( ... ) Dei viventi si sono ricordate solo le medaglie d'oro. Chi conosce, per averla vissuta, la storia dell'Aeronautica, sa che vi furono voli silenziosi ed episodi ignorati che furono prove di eroismo purissimo, ricche di risultati di alto valore. Molti di questi ricorderemo conservando al fatto l'anonimo, che ne accresce la grandezza e la bellezza. ( ... )

 

F.P.

À PROPOS DE CET AUTEUR
Generale A.A. Felice Porro

Felice Porro ( 8 ottobre 1891 - 16 ottobre 1975 ) è nato a Pavia ( Lombardia, Italia ). 


Si è arruolò nel Regio Esercito partecipando alla prima guerra mondiale. Il 2 luglio 1915 il Capitano Porro è assegnato come osservatore d'aeroplano alla 1ª Squadriglia per l'artiglieria. Nell'aprile 1916 diventa comandante della 3ª Squadriglia per l'artiglieria che il 15 aprile 1916 diventa 43ª Squadriglia, e basata sul campo d'aviazione di Gonars ( Friuli - Venezia Giulia, Italia ). Dal 26 dicembre assunse il comandò della 48ª Squadriglia, del VII Gruppo, basata sul campo d'aviazione di Belluno ( Veneto, Italia ). Dal 10 maggio 1917 comanda il XII Gruppo ( poi 12º Gruppo caccia ). Mantenne tale incarico fino alla rotta di Caporetto del novembre 1917. In seguito fu assegnato alla 1ª Squadriglia aeronavale. 


Tra il 31 ottobre 1931 e il 15 ottobre 1932 fu comandante del 4º Stormo di Gorizia, passando successivamente a prestare servizio presso lo Stato maggiore della Regia Aeronautica, e poi assumendo il comando della 1ª Zona Aerea Territoriale ( Z.A.T. ). 


Nei primi mesi del 1940 fu nominato comandante della 2ª Zona Aerea Territoriale, e poco prima dell'entrata in guerra dell'Italia, avvenuta il 10 giugno dello stesso anno, assunse il comando dell'Aeronautica della Libia. Dopo lo scoppio delle ostilità i reparti al suo comando furono subito pesantemente impegnati in appoggio alle operazioni terrestri del Regio Esercito, e contro i velivoli della Desert Air Force ( D.A.F. ) di base in Egitto. 


Dopo la morte di Italo Balbo ( 28 giugno 1940 ), il 25 luglio fu costituita la 5ª Squadra aerea, ed egli venne designato ad assumerne il comando. Ricoprì tale incarico fino al 5 febbraio 1941. Il 15 giugno dello stesso anno assunse il comando della 2ª Squadra aerea, con Quartier generale a Padova ( Veneto, Italia ). 


Mantenne tale incarico fino all'armistizio dell'8 settembre 1943. Il giorno dopo fu catturato dai tedeschi e successivamente deportato in Germania, dove fu internato nell'Offizierslager 64Z di Schocken ( Poznań, Polonia ), da dove nell'aprile 1945 fu liberato assieme a molti altri ufficiali superiori dall'Armata Rossa. 


Rientrato in Patria alla fine della guerra, fu nominato comandante della 3ª Zona Aerea Territoriale. Il 6 maggio 1946 entrò a far parte della Commissione incaricata di indagare sui crimini di guerra commessi dalle forze armate italiane in Jugoslavia durante la seconda guerra mondiale. La commissione terminò il suo lavoro il 21 marzo 1947. 


Lasciato il servizio militare divenne consigliere della RAI. Durante la sua vita fu un apprezzato scrittore di libri militari, tra i quali ricordiamo La guerra nell'aria 1915 - 1918 ( 1935 ), e collaborò con l'Enciclopedia Treccani nella stesura di alcune voci di personaggi dell'aviazione. 


( fonti : Wikipedia )

Fermer (esc)

Popup

Use this popup to embed a mailing list sign up form. Alternatively use it as a simple call to action with a link to a product or a page.

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Recherche

Panier

Votre panier est vide.
Boutique